Mastoplastica Additiva Catania

Dott. Marcello Stella - 333 7199579

Le donne possono ottenere protesi mammarie per rendere i loro seni più grandi e più pieni. Ciò può essere fatto a fini ricostruttivi, come ad esempio dopo la mastectomia per tumore al seno, o per ragioni estetiche. Dal punto di vista di un chirurgo estetico, l’obiettivo finale di aumento del seno è quello di migliorare le proporzioni naturali del paziente e creare una simmetria, esteticamente gradevole, del profilo del seno. La procedura esatta è su misura per soddisfare le esigenze individuali di una donna.

Altri obiettivi comuni di aumento del seno:

– Ripristino della pienezza del seno che ha perso dopo la gravidanza e l’allattamento al seno
– Sentirsi più sicuri in costume da bagno
– L’aggiunta di equilibrio per integrare meglio fianchi sinuosi.

Distinguiamo i tipi di protesi mammarie disponibili, le procedure utilizzate, e le possibili complicanze.

Protesi mammarie saline e di silicone.
Ci sono due tipi fondamentali di protesi mammarie: soluzione fisiologica e gel di silicone.

Protesi saline piene sono gusci di silicone riempito con acqua salata sterile (soluzione fisiologica). Alcune sono pre-riempite e altre sono riempite durante l’operazione di impianto.
Protesi in gel di silicone sono gusci di silicone riempito con un gel di plastica (silicone).
Le protesi saline e in silicone sono disponibili in diverse dimensioni e dispongono di conchiglie lisce o strutturate. Ciascuno con i propri pro e contro.

A seconda dell’anatomia e del risultato desiderato, si utilizzerà una delle seguenti tecniche di incisione per inserire le protesi mammarie:

–  Sottomammario. Ciò comporta una breve incisione fatta nella piega sotto il seno, chiamato il solco sottomammario. Questo lascia una sottile cicatrice da 3 a 4 centimetri che può essere facilmente nascosto all’interno della piega. Il vantaggio di questo tipo di incisione è che offre un punto di accesso più ampio, consentendo di posizionare protesi grandi e con maggiore precisione.
– Peri-areolare. L’incisione è fatta intorno al bordo esterno dell’areola, quindi la cicatrice risultante è situata all’interno di questa naturale pigmentazione. Spesso si utilizza questo tipo di incisione se si sta eseguendo anche un lieve e moderato sollevamento del seno.
– Trans-ascellari. Si tratta di una piccola incisione fatta entro l’ascella, attraverso il quale si posizionerà la protesi mammaria. Questo lascia una piccola cicatrice entro l’ascella, ma realizza un aumento del seno senza cicatrice sul seno stesso.

Mastoplastica Additiva Catania

La mastoplastica additiva, o aumento del seno tramite protesi al silicone, è l’intervento maggiormente richiesto in chirurgia estetica.
Questa operazione consente in pochissimo tempo di modificare la forma e le dimensioni di un seno o di correggere un’asimmetria mammaria, migliorando l’armonia del corpo e il proprio senso di autostima.

Mastoplastica Riduttiva Catania

La mastoplastica riduttiva consente di modificare la forma e le dimensioni di un seno troppo grande e cadente e/o di correggere un’asimmetria mammaria, migliorando l’armonia del corpo e il proprio senso di autostima.

Mastopessi Catania

La mastopessi, è il cosidetto lifting del seno. È un intervento di chirurgia plastica che consente di risollevare e rimodellare un seno cadente o di ridurre e modificare la forma e le dimensioni dell’areola.

Ultimi articoli del diario da non perdere!

Diario-del-Chirurgo-Marcello-Stella-Catania-16

L’ACNE E LE TERAPPIE NON ANTIBIOTICHE

Diario del Chirurgo Marcello Stella

Quello che sicuramente non vedrete mai negli accampamenti di Rom o nei campi profughi sono gli adolescenti e i giovani affetti da […]

Diario del Chirurgo Marcello Stella Catania

LA VECCHIAIA

Diario del Chirurgo Marcello Stella

Per molti versi, la vecchiaia può essere considerata una creazione della Storia. Secondo me, infatti, l’invecchiamento non è […]

MASTOPLASTICA CATANIA

MASTOPLASTICA CATANIA – UN FEEDBACK 5*

interviste

Intervista con una paziente di Mastoplastica eseguita dal Dott. Marcello Stella Qual’era il motivo principale del tuo disagio? […]